I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

ENGIM Internazionale (Formazione, Cooperazione, Sviluppo)

"Fare il bene e farlo bene" (San Leonardo Murialdo)

ACQUA E AGRICOLTURA SOSTENIBILE NEI VILLAGGI SUB-SAHARIANI

TITOLO ACQUA E AGRICOLTURA SOSTENIBILE NEI VILLAGGI SUB-SAHARIANI (Miglioramento delle condizioni di vita delle popolazione rurale di Mali, Sierra Leone, Guinea Bissau – Un pozzo per la vita)
SETTORE  
BUDGET 105.359,15 Euro
RUOLO Capofila in progetto consortile in collaborazione con Associazione Scuola Strumento di Pace EIP Italia; Associazione Sesto Continente; Associazione Altri Mondi; Associazione Miche Mancino per la difesa dell’agricoltura, dell’ambiente, della sicurezza e della sovranità alimentare; Comitato Italiano Contratto Mondiale sull’Acqua onlus
Centro di formazione professionale “St.Joseph” di Lunsar (Sierra Leone); Centro di formazione professionale CIFAP Bula (Guinea Bissa); Diocesi di Mopti (Mali)
PARTNER
LOCALE
Centro di formazione professionale “St.Joseph” di Lunsar (Sierra Leone); Centro di formazione professionale CIFAP Bula (Guinea Bissa); Diocesi di Mopti (Mali)
ENTE
FINANZIATORE
Comune di Roma
CONTRIBUTO
CONCESSO
40.000,00 euro
INIZIO
ATTIVITA'
2006
DURATA 12 mesi
DESCRIZIONE 
SINTETICA
Obiettivo del progetto è di migliorare le condizioni di vita delle comunità locali in Mali, Guinea Bissau e Sierra Leone, obiettivo che si cercherà di raggiungere combattendo il processo di desertificazione e aumentando la capacità di produzione di acqua e cibo.
In concreto, il progetto prevede la realizzazione di 10 pozzi in alcuni villaggi rurali (4 in Guinea Bissa, 3 in Mali e Sierra Leone), la realizzazione di un magazzino con funzioni di stoccaggio e conservazione per i tre villaggi della Sierra Leone dove saranno costruiti i pozzi); la costruzione di 5 piccoli ponti in Sierra Leone per favorire l’accesso alle vie di comunicazione principali; la realizzazione di 6 aie per l’essiccazione dei prodotti (3 in Guinea Bissau e 3 in Sierra Leone); la messa a dimora di 5000 piante di acacia contro l’avanzamento del deserto in Mali e di 2000 alberi da frutto, ombrose e ornamentali sempre in Mali; la produzione di materiale didattico per le attività di sensibilizzazione in Italia; la formazione sul tema dell’acqua in 8 scuole di Roma.
DESCRIZIONE  
powered by
Socialbar