I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

ENGIM Internazionale (Formazione, Cooperazione, Sviluppo)

"Fare il bene e farlo bene" (San Leonardo Murialdo)

SCHOLASTIC DEVELOPMENT

TITOLO SCHOLASTIC DEVELOPMENT AND LITERACY OF THE MINORS IN RISK – ALFABETO DI TOLLERANZA
BUDGET 15.000,00 Euro
RUOLO ONG Realizzatrice
STATO
ATTUALE
 
PARTNER
LOCALE
Qendra Sociale Murialdo
ENTE
FINANZIATORE
Municipio di Fier
CONTRIBUTO
CONCESSO
2.300,00 Euro
DURATA 2004
INIZIO
ATTIVITA'
 
DESCRIZIONE
SINTETICA
Il progetto di sostegno a distanza “Un alfabeto di tolleranza” si rivolge a ragazzi tra 6 e 18 anni, soprattutto quelli in difficoltà (che hanno lasciato la scuola o che non l’hanno mai frequentata per lavorare e/o vivono in situazioni di microcriminalità ed emarginazione sociale) i quali sono portati a cercare nella fuga all’estero la chiave verso una vita migliore e/o ad accettare un lavoro in condizioni di sfruttamento. Il progetto mira ad offrire ai giovani una proposta formativa in grado di sviluppare in loro senso di responsabilità e la loro coscienza civica. Ad essi verranno offerte opportunità di inserimento o reinserimento scolastico, lavorativo e sociale. I destinatari del progetto sono i giovani in difficoltà di Fier e dei villaggi dei dintorni, con particolare attenzione ai Rom, attualmente discriminati in Albania e confinati in quartieri-ghetto. Nel gruppo sono inseriti anche alcuni ragazzi disabili, per i quali si cerca una specifica modalità di integrazione. Ciò che offriamo sono strumenti per potersi integrare nella società allo stesso modo degli altri ragazzi; un ambiente dove tutti siano accolti e dove possano scrollarsi di dosso le situazioni pesanti che hanno alle spalle. I risultati si sono già visti, sia per quanto riguarda l’inserimento lavorativo, sia riguardo l’integrazione fra albanesi “bianchi” e Rom: dopo un'iniziale diffidenza, i due gruppi si sono uniti, rendendo le nostre attività di scolarizzazione un vero e proprio “alfabeto di tolleranza”. Le attività che saranno svolte e rafforzate grazie al progetto sono:
1. Sostegno scolastico e alfabetizzazione volta a facilitare il reinserimento/inserimento nella scuola a seconda del diverso livello di preparazione dei minori. Saranno tenuti contatti con le scuole dei ragazzi reinseriti per un migliore coordinamento. I ragazzi di oltre 16 anni che non possono essere reinseriti a scuola saranno aiutati a sostenere gli esami con una specifica preparazione all’esterno (scuola per corrispondenza). Corsi quotidiani aiuteranno i ragazzi a sostenere gli esami.
2. Attività ricreative e formative offerte dal Centro di aggregazione giovanile, che comprendono il teatro, l’informatica, lo sport. Saranno, inoltre, organizzate escursioni e campeggi durante l’estate.
DESCRIZIONE  
powered by
Socialbar