I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

ENGIM Internazionale (Formazione, Cooperazione, Sviluppo)

"Fare il bene e farlo bene" (San Leonardo Murialdo)

L’ENGIM RAVENNA PER L’ECUADOR

Dopo i giocattoli per la Sierra Leone, le adozioni a distanza in Mali, la raccolta di materiale tecnico per i laboratori del “Qendra Sociale Murialdo” di Fier, in Albania, e gli aiuti per le Filippine, colpite dalla tsunami nel 2014, l’ENGIM Ravenna è stato protagonista di un nuovo gesto di solidarietà: una raccolta di denaro per l’Ecuador, colpito da un violento terremoto il 16 aprile scorso. La cifra raccolta sarà destinata ai partner in loco dell’ENGIM, che svolgono la loro missione tra Quito, Tena e Santo Domingo de Los Tsachilas.

“Alla raccolta hanno partecipato i dipendenti del Centro di Formazione Professionale “San Paolo” di Ravenna – spiega Giuseppe Scozzaro, formatore ENGIM e collaboratore della nostra ONG-. Siamo sempre stati attenti nel testimoniare la nostra vicinanza alle popolazioni colpite da calamità naturali o che vivono situazioni di povertà, ma questa volta – confessa – non nascondo di avere sensibilizzato i miei colleghi. Ho fatto volontariato dieci mesi in Ecuador, conosco i problemi e le sofferenze di quella popolazione che mi è rimasta nel cuore, e ci tenevo a fare qualcosa per loro anche dall’Italia”.

Le notizie che ci giungono dal Paese latino americano descrivono una nazione in ginocchio. L’argomento non è più sulle prime pagine dei giornali, ma mancano acqua, cibo, medicine e beni di prima necessità. I ponti aerei che si sono succeduti non hanno esaurito le richieste di tende, farmaci e generi alimentari. E poi ci sarà da pensare alla ricostruzione.

“Canoa è una delle città più colpite dal terremoto – ci raccontava alcuni giorni fa Antonio Morra, per anni anche lui volontario in Ecuador, tornato nel Paese proprio per dare una mano in questa occasione -. Più dell’80 per cento della città è stata distrutta. La maggior parte della gente adesso vive, col terrore, in tende ubicate in una parte un po’ più in alto della città. Ma c’è la voglia di rialzarsi in piedi e di ricostruire. Dobbiamo aiutarli”.

Per questo l’ENGIM continua la sua raccolta fondi, per poter inviare un aiuto concreto alle famiglie vittime del terremoto. Contribuisci alla raccolta fondi con un bonifico intestato a:

ENGIM IBAN: IT78 E056 9603 2170 0000 3166 X92

Causale: Donazione emergenza Ecuador

 

 

powered by
Socialbar