I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

"Fare il bene e farlo bene"

(San Leonardo Murialdo)

CAMPAGNA A FAVORE DELLA SIRIA

FATELO CON IL CUORE

La Siria delle meraviglie, quella di Damasco, “perla d’Oriente”, di Aleppo con le sue belle chiese e moschee, di Homs, è oggi un mare di macerie.

Ma più delle vestigia antiche, è lo scenario civile che lascia sgomenti. Oltre quattro milioni sono gli sfollati interni e tre milioni i siriani fuggiti e rifugiatisi nei Paesi vicini: Giordania, Libano, Turchia. Il destino più crudele è quello dei cristiani: com’è già accaduto in Iraq, anche in Siria la loro sopravvivenza è a forte rischio.

A Damasco, famiglie residenti e famiglie di sfollati, spesso diverse per fede, censo, etnia, sono accomunate da una povertà diffusa che le rende indistinte. In mezzo ai contendenti in lotta fra loro, vive una moltitudine che soffre e vuole la pace.

Qui in Siria l’ENGIM sta realizzando diversi progetti con le Suore della Carità di Santa Giovanna Antida, presenti nel Paese da moltissimi anni. Nel 2014 la loro scuola è stata distrutta da un bombardamento. Esse non sono fuggite, ma sono state costrette a trasferirsi in un altro quartiere della città, presso il Patriarcato, ritenuto più sicuro.

Gli interventi ENGIM sono rivolti non solo al ripristino della funzionalità dell’attuale scuola, ma anche al sostegno delle famiglie siriane più indigenti (prodotti alimentari, indumenti, gasolio per riscaldamento, illuminazione domestica).



 DONA ORA CLICCA QUI’ PER DARE IL TUO CONTRIBUTO


LEGGI I PROGETTI REALIZZATI IN SIRIA DALL'ENGIM

 

IL 31 MARZO PROSSIMO (ORE 21,00), NEL "TEATRO PRATI" DI VIA DEGLI SCIPIONI 98 

IN OCCASIONE DELLO SPETTACOLO “UN DUE TRE … STELLA!”,

SARA’ EFFETTUATA UNA RACCOLTA FONDI PER I BAMBINI SIRIANI DELLA SCUOLA "EL RIAYA" DI DAMASCO

PARTECIPA ANCHE TU

Condividi

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
powered by
Socialbar