I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

ENGIM Internazionale (Formazione, Cooperazione, Sviluppo)

"Fare il bene e farlo bene" (San Leonardo Murialdo)

IN RICORDO DI NICOLA GRISANTI

Un aiuto agli orfani della Sierra Leone, a quei bambini che la recente epidemia di ebola ha tolto uno od entrambi i genitori. A questo scopo sarà destinata la cifra che Anna Cilento, medico all’ospedale “San Raffaele Giglio” di Cefalù, ha voluto donare all’ENGIM in ricordo di suo marito Nicola Grisanti.

Nicola è scomparso il 10 aprile 2015, mentre era al lavoro nel suo esercizio pubblico “Pasta & Pasti”, in via Roma a Cefalù. Si è sentito male dietro al bancone mentre parlava con i clienti. Un dolore fitto al cuore e Nicola Grisanti si è accasciato mentre qualcuno avvertiva il 118. Purtroppo non c’è stato nulla fare.


Già lo scorso la donna, colpita dal racconto dei colleghi che avevano partecipato ad una missione nei nostri centri in Sierra Leone, aveva volto destinare una somma per alleviare i problemi sanitari del Paese. Somma che l’ENGIM aveva deciso di utilizzare per l’acquisto una sterilizzatrice per l’assistenza al parto a favore di un ospedale in difficoltà per la pandemia.


Quest’anno la somma di denaro sarà spesa per acquistare medicinali e latte in polvere per i bambini rimasti orfani, e dare così continuità al lavoro che i Giuseppini del Murialdo, grazie alla generosità di tanti benefattori individuali e gruppi organizzati, stanno portando avanti nel distretto di Port Loko, ed in particolare a vantaggio degli ospedali di Makeni e di Lunsar.


Grazie e questi aiuti, a partire da aprile, i Giuseppini hanno potuto realizzare fondamentali interventi in ambito sanitario e sociale, come la formazione del personale dei due più importanti ospedali della regione, la fornitura di medicinali e di materiale protettivo, la costruzione o la riattivazione dei centri sanitari nelle aree più remote del Paese, l’acquisto di una clinica mobile per monitorare la situazione nei villaggi, la riapertura delle loro scuole.


La Sierra Leone è stato uno dei Paesi più colpiti dall’epidemia con 14.089 casi registrati e 3.955 morti. I 17 mesi in cui il Paese si è praticamente fermato, rimanendo quasi completamente isolato dal resto mondo, hanno, inoltre, prodotto danni e conseguenze in tutti i settori della vita sociale ed economica.


Per aiuti: Conto Corrente Banca Popolare di Sondrio, codice IBAN IT 78 E 05696 03217 000003166 X92


LEGGI LO SPECIALE SULL'EMERGENZA EBOLA IN SIERRA LEONE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

powered by
Socialbar