I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

ENGIM Internazionale (Formazione, Cooperazione, Sviluppo)

"Fare il bene e farlo bene" (San Leonardo Murialdo)

ALL’ORATORIO SAN PAOLO CONCERTO PER BLOCCARE LA DIFFUSIONE DELL’EBOLA IN SIERRA LEONE

“La gente vede il nemico nel fratello, nel vicino, in chi ti ama; nessuno ti tocca, non accarezzi neanche i bambini e il nemico - l’ebola - avanza invisibile e letale”. Questo scrive padre Maurizio Boa, missionario Giuseppino in Sierra Leone, a proposito dell’epidemia che sta dilagando in Africa.

Per contribuire a contenere il contagio, l’ENGIM ha organizzato, il 3 ottobre nel Nuovo Teatro San Paolo, un concerto di beneficenza, grazie alla disponibilità di Bruno Di Menna, giovane rivelazione del tango argentino - che ha cantato una selezione del suo ultimo cd “Estación Tango” -, e dei ballerini Rosita Aleman e Martin Medina. Il ricavato della serata servirà a spedire in Sierra Leone il materiale sanitario - guanti sterili, mascherine chirurgiche, tute e visiere di protezione, materiale per le medicazioni e disinfettanti -, che l’ENGIM ha raccolto nelle ultime settimane in tutta Italia.

La sanità è al collasso, gli ospedali sono chiusi per paura del contagio e anche i centri dove vengono ospitati i malati di ebola, soprattutto i centri di Kenema e Kailahum, sono strapieni e non accolgono più nessuno – scrive ancora padre Maurizio -. E la gente muore, da sola, nelle strade.

“Davanti a queste tragedie nessuno può tirarsi indietro - hanno sottolineato nei loro interventi padre Mario Aldegani, superiore generale dei Giuseppini del Murialdo, e padre Antonio Lucente, presidente dell’ENGIM -. E noi vogliamo farci prossimo dei nostri fratelli  che sono nella sofferenza”.

Per aiuti: Conto Corrente Banca Popolare di Sondrio, codice IBAN IT 78 E 05696 03217 000003166 X92

LEGGI LO SPECIALE SULL'EMERGENZA EBOLA IN SIERRA LEONE

 

powered by
Socialbar