I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

ENGIM Internazionale (Formazione, Cooperazione, Sviluppo)

"Fare il bene e farlo bene" (San Leonardo Murialdo)

“TORNO SUBITO”, INTANTO VADO A STUDIARE

E’ partito ieri mattina per l’Indonesia Giuseppe Rizzo, uno dei 500 giovani laureati vincitori del bando “Torno Subito”, finanziato dalla Regione Lazio con 5,4 milioni di euro di fondi UE. Insieme ai suoi colleghi, Giuseppe è andato all’estero per crescere professionalmente per poi tornare nel Lazio e mettere in pratica quanto imparato.

C’è chi andrà in Camerun per studiare le patologie parassitarie sistemiche per poi andare al Policlinico dell’Università di Tor Vergata, e chi si occuperà di progettare una rete di orti urbani nel Comune di Roma, andando a vedere come sono stati realizzati a Seattle. Giuseppe, 30 anni, laureato in Giurisprudenza a “La Sapienza”, è partito, invece, per l’Indonesia dove si specializzerà nel “microconsignment”, un nuovo modo di promouvere l’auto-imprenditorialità in comunità sprovviste di beni di prima necessità.

Per otto mesi, Giuseppe lavorerà presso la Nusantara Development Initiatives (NDI), azienda con sede a Singapore, e poi verrà nella nostra ONG - insieme al team che si occupa dei progetti di avvio al lavoro e sostegno all’autoimprenditorialità -, per analizzare le possibilità di integrare il modello del microconsignment nei prossimi interventi nei Paesi dove già operiamo od andremo ad operare.

Ma cos’è, più nello specifico, il MicroConsignment Model (MCM)? A differenza del Microcredito, che fornisce piccoli prestiti a chi non potrebbe accedere ai normali servizi finanziari, l’MCM promuove la diffusione, e la commercializzazione, dei beni di prima necessità utili allo sviluppo di una comunità locale.

In Indonesia, dove due persone su cinque non hanno accesso all’energia elettrica, la Nusantara Development Initiatives lavora, ad esempio, per abbattere questo ostacolo allo sviluppo economico del Paese, promuovendo la creazione di una rete di piccoli imprenditori nel campo delle lampade ad energia solare.

“Durante la mia permanenza all’estero, avrò l'obiettivo di comprendere le logiche normative sulle quali si basa la struttura di una ONG che privilegia il modello del microconsignment nella promozione dell’auto-imprenditorialità in comunità rurali – spiega Giuseppe Rizzo -. Individuerò un denominatore comune normativo contestualizzabile in potenziali progetti da realizzare al mio rientro. Partecipando a riunioni e tavole rotonde con rappresentati di imprese, università, associazioni giovanili, altre ONG, - prosegue Giuseppe - avrò un primo approccio alla strutturazione e formalizzazione di rapporti tra la ONG e i suoi interlocutori. Sarò coinvolto nelle attività del settore responsabile della progettazione e implementazione del microconsignment”.

“L’ENGIM – ha scritto Giuseppe nell’idea progettuale presentata alla Regione Lazio– è una ONG italiana costantemente alla ricerca di soluzioni innovative e sostenibili. È pronta ad accogliere diversi modi di intendere la cooperazione, e  rappresenta un punto di riferimento in grado di immettere nei giusti binari le mie intenzioni propositive”.



- APPROFONDIMENTI MICROCONSIGNMENT

 

 

powered by
Socialbar