I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

ENGIM Internazionale (Formazione, Cooperazione, Sviluppo)

"Fare il bene e farlo bene" (San Leonardo Murialdo)

LA COOPERAZIONE: MENO INVESTI PIÙ SPENDI

I fondi per la cooperazione si sono ridotti: nel 2011 rappresentavano lo 0,20 del PIL, nel 2012 sono scesi a una quota dello 0,13 per cento e questo, secondo l'analisi dell'Ocse, pone l'Italia agli ultimi posti nella clasifica dei Paesi che destinano fondi pubblici allo sviluppo. «Siamo impegnati a voltare la pagina del passato, della progressiva disattenzione e dei tagli ai fondi per la cooperazione. Abbiamo sancito un percorso di crescita graduale  del nostro aiuto pubblico allo sviluppo, l'unico che la situazione finanziaria ci consente, e che ora dobbiamo assolutamente mantenere», promette nella prefazione del rapporto il ministro degli Esteri, Emma Bonino

«Una buona cooperazione internazionale non può che nascere da buone scelte politiche  fatte nei confini nazionali», dice Marco De Ponte, segretario generale di ActionAid. Queste politiche riguardano, ad esempio, l'immigrazione. Il rapporto evidenzia come la scarsa attenzione alle politiche di inclusione sociale abbia avuto effetti sulla destinazione delle risorse. Il fondo per le politiche di inclusione degli immigrati istituito nel 2007 (50 milioni di euro, diventati 100 nel 2008) è stato cancellato nel 2009, mentre ammontano ad almeno 1,6 miliardi di euro le risorse stanziate fra il 2005 e il 2001 per il contasto all'immigrazione. Cecile Kyenge, ministro per l'integrazione, concorda che una politica di inclusione degli immigrati porterebbe molti benefici anche alla cooperazione allo sviluppo, che potrebbe affidarsi alle competenze degli immigrati, coinvolgendoli direttamente nei progetti di aiuto internazionale.

ActionAid dedica un capitolo del rapporto anche alle politiche energetiche, ponendo il problema della sostenibilità sociale, economica e ambientale dell'utilizzo dei biocarburanti. In particolare, viene denunciato il fenomeno del land grabbing, cioè l'acquisto di terreni destinati a biocarburanti che porta alla sottrazione di terra agli agricoltori locali.

Fonte: Famiglia Cristiana

powered by
Socialbar