I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

ENGIM Internazionale (Formazione, Cooperazione, Sviluppo)

"Fare il bene e farlo bene" (San Leonardo Murialdo)

UN PO’ DI NOTORIETÁ DALLA GRANJA EDUCATIVA DI FUNDEPORTE


Image Da 15 anni la granja educativa del Centro sportivo e formativo Fundeporte, a Quito (Ecuador), un progetto di educazione e formazione che vede il contributo anche di Engim Internazionale, produce ortaggi organici che vengono venduti all’interno del mercato nazionale. Uno dei principali compratori dei genuini prodotti, è la catena di pizzerie italiane “Al Forno”, situata nella capitale ecuadoriana.

Lo scorso 18 marzo, il quotidiano statunitense Miami Herald, nella sua edizione internazionale, ha pubblicizzato la catena di ristorazione italiana ponendo l’attenzione sulla qualità dei prodotti utilizzati e sulla loro origine; nell’articolo si legge: “… p. Sereno, attraverso il suo programma “Su cambio por el cambio”, coltiva lattuga e ortaggi organici nel sud di Quito, che sono utilizzati per condire alcune delle 50 pizze della pizzeria Al Forno …”

ImageUn tale riconoscimento dimostra la possibilità di un progetto sociale, i cui beneficiari sono direttamente coinvolti, di offrire non solo un prodotto facilmente vendibile nel mercato locale, ma anche un prodotto genuino e apprezzato. I prodotti vegetali che provengono dall’orto di Fundeporte e la loro vendita sul mercato, che negli anni si incrementa sempre più grazie anche alle capacità gestionali di p.Sereno, permette la sostenibilità economica del progetto e continua ad offrire a centinaia di giovani, che seguono il corso di agricoltura all’interno del Centro, di apprendere un mestiere e accedere più facilmente nel mercato del lavoro. Infatti, non solo per loro, ma anche grazie a loro la granja educativa raggiunge i risultati attesi. 

Il progetto Fundeporte, a sud di Quito, che accoglie ogni giorno più di 500 bambini e giovani, tra i più poveri della città, oggi rappresenta uno dei progetti sociali di maggior successo realizzati nello stato ecuadoriano, e vedere il nome di p.Sereno, il maggior sostenitore del progetto, in un quotidiano statunitense, ci riempie d’orgoglio e ci spinge a continuare a fare il bene e farlo bene. 

Enza Digangi
powered by
Socialbar