I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

ENGIM Internazionale (Formazione, Cooperazione, Sviluppo)

"Fare il bene e farlo bene" (San Leonardo Murialdo)

IL DOCUMENTO FIRMATO AD ABU DAHBI DA PAPA FRANCESCO E DAL GRAN IMAN AL-TAYYIB E' LA VERA SANTA ALLEANZA CONTRO OGNI GUERRA SANTA.


Papa Francesco e Iman Al-Tayyib

“Il documento sulla “Fratellanza Umana per la Pace Mondiale e la convivenza comune” firmato da Papa Francesco ed il Grande Imam di Al-Azhar Ahamad al-Tayyib ieri ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi, deve essere considerato la pietra miliare del dialogo interreligioso per i prossimi decenni. Una Santa Alleanza contro ogni Guerra Santa. Ci dice MAI in nome di Dio. - ha dichiarato Gianfranco Cattai, presidente FOCSIV - Ciò che colpisce tutti noi è l'unicità e la straordinarietà di quanto sottoscritto. Vi è un comune intento di «lavorare insieme verso la cultura del reciproco rispetto, nella comprensione della grande grazia divina che rende tutti gli esseri umani fratelli.» Un testo che può essere definito un'Enciclica unica e potente che segnerà i prossimi decenni in nome di una «fratellanza lacerata oggi dalle politiche di integralismo e divisione, dai sistemi di guadagno smodato e dalle tendenze ideologiche che manipolano le azioni ed i destini umani.».

Di fronte alla terza guerra mondiale a pezzi, all'incertezza, alla disillusione e alla paura del futuro provocati e controllati dagli interessi economici miopi, davanti all'ingiustizia e alla distribuzione iniqua delle risorse naturali che portano alla povertà ed a morire milioni di bambini di fame è necessario il risveglio del senso religioso. «Le religioni non incitano mai alla guerra né ai sentimenti di odio, di ostilità, estremismo, né invitano alla violenza o allo spargimento di sangue.» È lo smascheramento dell'uso politico delle religioni che ci rincuora. È l'indicazione che i veri insegnamenti delle religioni invitano a restare ancorati ai valori della pace; ad appoggiare la reciproca conoscenza che ci rassicurano.

È l'aver sostenuto che si è tutti cittadini e non esistono minoranze, ma solo uguaglianza di diritti e di doveri di tutti che ci rasserena. Tutto il testo è una rivoluzione epocale che cancella il passato, che invita alla riconciliazione e alla fratellanza tra tutti i credenti e non credenti, tra tutte le persone di buona volontà. Un appello forte e chiaro ad ogni coscienza che «ripudia la violenza aberrante e l'estremismo cieco» che unisce chiunque ami i valori di tolleranza e di fratellanza, che esorta gli uomini a smilitarizzare il proprio cuore per costruire un futuro di Pace in ogni luogo e per tutti.”

powered by
Socialbar