I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

ENGIM Internazionale (Formazione, Cooperazione, Sviluppo)

"Fare il bene e farlo bene" (San Leonardo Murialdo)

E’ BELLO PARTIRE MA PER POI RITORNARE

Di Nicoletta Biga. È stato un mese di ritorni a casa, di ripartenze e di ritorni; dentro e fuori di me. Di vista dall’alto, di quello che si sta costruendo, ma anche dal basso, verso quello che ancora c’è da fare. Di stanchezza, di sorprese, di consapevolezza.

                                    LEGGI ANCHE LE ALTRE TESTIMONIANZE DEI RAGAZZI IN SERVIZIO CIVILE

Sono stata in Italia una settimana, dopo quattro mesi. È stato bello, ma quasi come se non fossi mai partita. È incredibile come la società in cui siamo nati sia in grado di inglobarci e renderci  incapaci di raccontare. L’Albania non riusciva ad uscire dalle mie labbra e nessun orecchio sembrava essere pronto per ascoltare.

Il caffè mi è stato servito senza dover aspettare venti minuti, ma nessun mio compaesano si è fermato a chiacchierare con me o mi ha chiesto come stavo, usando, almeno, cinque modi diversi per esprimersi.

La cosa che più mi affascina del vivere in un altro Paese è che piano piano si diventa parte di quel luogo. Si è un allievo che impara senza dover studiare. Come a scandire i propri ritmi di lavoro secondo la luce del sole. Gli occhi imparano, ma non si abituano, a vedere una famiglia di cinque persone che vive in un'unica stanza e che sorride alla vita, nonostante tutto.

Si impara che se la luce va via e per ore non ritorna, non è un problema, le candele sono nel secondo cassetto dell’armadio. E se l’acqua arriva solo alle 22 , con la doccia di sera bel tempo si spera.

Quando organizzo attività che “MariaMontessoriscansati” mi insegnano che nulla potrà mai battere “apa dollapa” (nascondino). Imparo anche che il sushi è buono, ma il byrek me mish (byrek con carne), di più. Che i clown del gruppo VIP hanno fatto della mia vita per molto tempo, ma ora io non sono più una di loro e che in fondo, va bene così.

Imparo che è bello partire per poi ritornare. Imparo, o meglio, devo imparare che la mia identità và custodita e protetta. Che si può essere piuma, ma è importante anche essere sasso.

                                        LEGGI ANCHE LE ALTRE TESTIMONIANZE DEI RAGAZZI IN SERVIZIO CIVILE

powered by
Socialbar