I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

"Fare il bene e farlo bene"

(San Leonardo Murialdo)

RESPINGIMENTI IN LIBIA: LA POSIZIONE DELLA FOCSIV


“Riportare i migranti in Libia, in questo momento, vuol dire riportarli all’inferno” dichiarava ieri Mario Giro, Viceministro degli esteri su “La Stampa”.

Gianfranco Cattai, Presidente di FOCSIV, dalle pagine di Avvenire, propone al Governo italiano di cercare un accordo con la Libia per permettere alle Organizzazioni delle Nazioni Unite e Associazioni di volontariato e solidarietà internazionale di intervenire per umanizzare la gestione di quei campi.

Il mondo delle ONG e le Istituzioni trovano un punto d’incontro in virtù del diritto di ingerenza umanitaria» nato con le convenzioni di Ginevra, che lo stesso Giro richiama in una lettera al direttore di Avvenire che compare oggi a pagina tre del quotidiano accanto a quella di Cattai.

“Secondo tale principio esiste una ‘neutralità’ della società civile (i «popoli» dell’articolo 1 della Carta dell’Onu), che autonomamente dai governi si organizza per  

Quello che accomuna entrambe le lettere è un richiamo chiaro e imprescindibile alle coscienze delle persone e della politica affinché restino umani perché salvare e tutelare vite umane deve rimanere una priorità imprescindibile per gli operatori umanitari, ma anche per le istituzioni.

Leggi la lettera di Gianfranco Cattai                                   Leggi la lettera di Mario Giro

 

Condividi

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
powered by
Socialbar