I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

ENGIM Internazionale (Formazione, Cooperazione, Sviluppo)

"Fare il bene e farlo bene" (San Leonardo Murialdo)

ONG

  • GUARDA LO SPOT

     

    In questi giorni in cui siamo alle prese con le nostre dichiarazioni dei redditi, invito tutti a cogliere l’occasione per sollecitare tutti ad apporre una firma a favore dell’ENGIM. I fondi raccolti con il 5 x Mille, sono destinati alle tante iniziative di Cooperazione Internazionale realizzate da ENGIM nei Paesi in via di sviluppo grazie al lavoro svolto da operatori e volontari ENGIM delle nostre sedi in Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Lazio e Sicilia.

    Tra pochi giorni riceverete il materiale di divulgazione della campagna: i volantini ed un espositore, che vi invito a diffondere il più possibile. Quest’anno la campagna sarà realizzata in collaborazione con “Murialdo For”

    Insieme a questo materiale cartaceo riceverete anche un piccolo banner in formato elettronico da apporre in calce a tutte le vostre mail, per sensibilizzare tutti, ma proprio tutti, a fare altrettanto. La cosa migliore, e più bella, sarebbe raccontare di persona quello che facciamo nel nostro lavoro quotidiano, ma, visto che la cosa non è sempre possibile, apponiamo questo banner alle nostre comunicazioni e nei nostri siti.

    A noi non costa nulla firmare e sollecitare la firma per il 5 per mille all’ENGIM ma per i destinatari dei nostri progetti rappresenta una opportunità unica. 

    Padre Antonio Teodoro Lucente CSJ

     

    CODICE FISCALE ENGIM: 80354630586 


    GRAZIE AL 5 X MILLE 
    ABBIAMO GIA’ REALIZZATO

     

                                   

     

     

    ED ORA SCRIVI TU IL PROSSIMO PROGETTO INSIEME A NOI


    Nel primo riquadro della scheda 5x1000 indica il codice scale dell’ENGIM: 80354630586.
    Sostieni i nostri progetti, contributi e donazioni sono deducibili nella dichiarazione dei redditi.
    Destina ad ENGIM il 5x1000!

    CC Bancario n.3166/92
    Banca popolare di Sondrio - Agenzia Roma 17
    IBAN: IT78 E05696 03217 000003166X92

    CC Postale n. 30836035

     

     

     

     

  • Un nuovo percorso formativo nasce con l’obiettivo di ridurre al minimo il rischio dei medici volontari che operano nella regione dell’Africa occidentale. Il 20 aprile e il 4 maggio a Novara.

  • CHI SIAMO L'ENGIM internazionale è una Organizzazione Non Governativa e una ONLUS nata nel 1977. Lavora in Italia e nel mondo raccogliendo l’eredità educativa di San Leonardo Murialdo, il Santo torinese che dedicò la vita ai giovani poveri e abbandonati, promuovendone l’educazione e la formazione e ispirando leggi a tutela dei minori, dei lavoratori e delle donne.

    Argentina, Bolivia, Brasile, Colombia, Ecuador, Messico, Albania, Romania, Ghana, Guinea Bissau, Sierra Leone, Mali e India sono le nazione nelle quali sono state realizzate, o sono in corso di realizzazione, iniziative di solidarietà e progetti di cooperazione e promozione dello sviluppo locale.  

    Ogni giorno, attraverso il lavoro di cooperanti, operatori e volontari, ENGIM internazionale promuove e realizza iniziative di: 
    ·   cooperazione allo sviluppo

    • volontariato internazionale
    • servizio civile all’estero
    • sostegno a distanza
    • commercio equo e solidale
    • turismo responsabile
    • educazione allo sviluppo 

    Obiettivi dell’azione sono il sostegno, l’educazione e la formazione umana e professionale dei giovani e delle persone svantaggiate attraverso la realizzazione di:

     

    • centri di formazione professionale, orientamento e inserimento lavorativo
    • casefamiglia
    • centri di accoglienza e di aggregazione giovanile
    • mense per bambini e ragazzi di strada
    • ambulatori scuole di alfabetizzazione
    • interventi per facilitare l’accesso all’acqua potabile e la sicurezza alimentare 

    Il coordinamento nazionale della ONG ha sede a Roma, ma le attività sono svolte in collaborazione con le sedi ENGIM in Italia e all'estero. Partner e finanziatori sono la CEI, la Caritas Italiana, la Comunità Europea, il Ministero degli Esteri, Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Il Dipartimento degli Affari Sociali, Comuni ed Enti locali.

    Dal luglio 2000 ENGIM internazionale ha ottenuto il riconoscimento di idoneità come ONG dal Ministro degli Esteri. E' quindi abilitata a realizzare programmi a breve e medio termine nei Paesi in Via di sviluppo; a selezionare, formare ed impiegare volontari in servizio civile; a formare in loco i cittadini degli stessi PVS.
    ENGIM internazionale fa parte dell'Associazione delle ONG Italiane di Cooperazione allo Sviluppo e della piattaforma italiane delle ONG europee. Dal dicembre 2008 è entrata a far parte anche della FOCSIV, Federazione Organismi Cristiani di Servizio Internazionale Volontario.

  • Giuseppe Mazzini è un collaboratore dell’ENGIM ONG e il responsabile per la stessa organizzazione dell’area medio orientale. A lui, profondo conoscitore della zona, abbiamo chiesto di raccontarci qual è oggi la situazione in Siria e Libano.

    Giuseppe, come è nata la collaborazione con le Suore di Santa Giovanna Antida?
    Nel 2007, nel corso di una missione per l’emergenza in Libano dopo la conclusione del conflitto israelo-libanese, ebbi occasione di incontrare Suor Mona Corbani che dirigeva la scuola delle Suore della Carità di Baskinta. Occorreva ripristinare le strutture educative libanesi che avevano subito danni dalla guerra. Le suore sono animate da un grande desiderio di servire, ma hanno pochi mezzi e non sono in condizioni di risolvere i problemi sociali che affliggono il loro Paese. Le scuole di Beirut, Baabdath, Baskinta subiscono la pressione di famiglie povere libanesi e di profughi siriani, irakeni, palestinesi, in maggioranza musulmani, che chiedono per i loro figli un posto tra i banchi di scuola. I centri sanitari di Roum e Kefraya sono invasi da una moltitudine di sfollati, specialmente donne, vecchi e bambini, che chiedono farmaci e assistenza medica. Il Libano è sempre stato accogliente, ma è anche l’unico paese al mondo che deve subire sulla propria terra la guerra degli altri. 


    Ma com’è, attualmente, la situazione dei profughi in Libano?
    L’ONU registra 2500 rifugiati al giorno. Solo i Siriani sono almeno 2 milioni e mezzo. I Palestinesi hanno superato i 700 mila, poi ci sono irakeni ed egiziani. Così, la popolazione in Libano in pochi anni è praticamente raddoppiata. È come se in Italia arrivassero 30 milioni di profughi a cui provvedere per i loro bisogni essenziali.


    E in Siria?
    Anche qui la situazione è molto critica. A Damasco la scuola delle suore è stata bombardata e saccheggiata e loro sono state costrette a trasferirsi in una zona più sicura, a Bab Charky, dove il Patriarca greco-melkita ha offerto i locali affinché potessero continuare le attività didattiche e l’assistenza alla popolazione, che è aumentata enormemente a causa di nuovi sfollati provenienti dalle zone di guerra del Nord del Paese. Oggi, oltre a garantire la scolarità ad oltre 1200 bambini siriani, le suore distribuiscono, grazie anche ai progetti ENGIM, beni di prima necessità a più di 700 famiglie indigenti della città e del vicino villaggio di Hauran. Per tutti noi sono un esempio di coraggio e di come si possa praticare quello straordinario messaggio evangelico dell’amore verso il prossimo.


    Quali possono essere gli sviluppi di questi progetti ENGIM in Libano e Siria?
    L’ENGIM sta rafforzando la sua presenza in Libano e sta sostenendo progetti in Siria. Oggi curiamo l’emergenza, ma dobbiamo prepararci per dare un contributo alla ripresa sociale ed economica del Libano. Ci sarà da fare, in primo luogo, per favorire il rientro dei profughi siriani nel loro Paese. I partner di entrambi i Paesi ci sono. Guai a rinunciare e a perdere l’ottimismo.

     

  • A quattro anni dall’inizio della guerra civile in Siria, oltre nove milioni di persone hanno dovuto abbandonare le loro case, due milioni e mezzo hanno cercato rifugio nei Paesi limitrofi - in Libano, ma anche in Giordania, Turchia, Egitto, Iraq

    MAZZINI: "IL LIBANO E' L'UNICO PAESE AL MONDO CHE SUBISCE SULLA PROPRIA TERRA LA GUERRA DEGLI ALTRI"

powered by
Socialbar