I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

ENGIM Internazionale (Formazione, Cooperazione, Sviluppo)

"Fare il bene e farlo bene" (San Leonardo Murialdo)

UN FILM PER CONOSCERSI

In Europa si sta diffondendo sempre di più un sentimento di paura e di smarrimento (che spesso sfocia in atteggiamenti di odio e razzismo) provocato dall’arrivo dei profughi e dei migranti provenienti dall’Africa e dagli altri Paesi poveri del mondo. I giovani sono la fascia della società più esposta a questo fenomeno, dovuto a una cattiva informazione o più semplicemente all’ignoranza sui motivi che spingono queste persone a fuggire dai loro Paesi per cercare rifugio in Europa.

Noi crediamo sia necessario fare qualcosa per contrastare questo sentimento attraverso la conoscenza dei problemi, non in astratto, ma con il concreto racconto della storia di due ragazzi che vivono in un villaggio della Sierra Leone. Situato sulle sponde dell’Oceano Atlantico nell’Africa Sub-sahariana, questo sfortunato Paese è stato martoriato, prima da una sanguinosa guerra civile e poi da un’epidemia di Ebola che ha provocato decine di migliaia di vittime. Il reddito medio dei suoi abitanti non supera i due euro al giorno, più di metà della popolazione è analfabeta, i medici, gli ospedali e le medicine sono una rarità e tanti, troppi bambini muoiono prima di aver raggiunto i cinque anni d’età.

IL FILM

Protagonisti del film Balon di Pasquale Scimeca

AMIN e sua sorella ISOKE’ vivono in un villaggio di povera gente (senza luce né acqua) dell’Africa sub sahariana. Un giorno, una banda di predoni assaltano il villaggio, bruciano la loro casa e uccidono i genitori e i fratelli. Rimasti soli i due ragazzi fuggono verso il Nord, finché non raggiungono il deserto, dove vengono soccorsi da una coppia di archeologi che li portano in Libia. Catturati da una milizia, dopo mesi di violenza, prigionia e lavoro da schiavi, riescono a salire su un barcone che leva l’ancora verso l’ignoto ...

NOTE DEL REGISTA

immagine dal film Balon di Pasquale Scimeca

Questo non è un film sull’emigrazione, ma un film sull’AfricaPer anni ho visto arrivare i barconi. Ho parlato con i profughi che mi hanno raccontato le loro storie. Ho ascoltato i dibattiti in tv e ho letto i giornali, per cercare di farmi un’idea, di avere un’opinione precisa. Ma i miei pensieri erano sempre più confusi e incerti. La mia anima era lacerata tra la paura e il senso di umanità, imprescindibile nella mia coscienza. I miei sogni erano sempre più tormentati e urlavano assieme alle onde del mare nelle notti di tempesta. Cosa dovevo fare? Potevo continuare a vivere indifferente di fronte al dramma che stiamo vivendo? Per questo ho deciso di andare in Africa per cercare di capire quello che sta succedendo, e con umiltà, ho filmato quello che ho visto.

Pasquale Scimeca

I PROTAGONISTI

Mi chiamo DAVID KOROMA. Nel film sono AMIN. Ho dieci anni e vivo, con mia madre e cinque fratelli, in un villaggio della Sierra Leone nel distretto di Lunsar. Mi piace andare a scuola perché imparo le cose: a leggere, a scrivere, a fare i conti. E anche l’inglese.

Leggi tutto...

powered by
Socialbar

Contatti

Lazio:
Ufficio ONG Roma

Sicilia:
Leonardo Cottone

Veneto:
Giovanni Artuso

Lombardia:
Giuseppe Cavallaro

Piemonte:
Mariangela Ciriello

Emilia Romagna: